Ogni mattina fai del tuo meglio per dedicare la tua presenza fisica, mentale, emotiva su tutti i fronti che richiedono concentrazione, impegno, affetto, dedizione, tutto il tuo tempo e le tue energie. Il lavoro, gli amici, la comunità, la famiglia, te stessa. A tutto questo si aggiungono imprevisti, dispiaceri, ostacoli e fatiche non previste, che rendono la strada per arrivare a ogni fine giornata più impervia e complessa.

Non è facile sentirsi libere di vivere la propria vita, vero?

È molto più probabile che tu possa sentirti affannata, smarrita o in balia di urgenze che ti travolgono perdendo di vista la persona che vuoi diventare.

Tant’è che, pare assurdo, quando a un certo punto ti ritrovi, per caso, ad avere un’ora libera, non sai nemmeno cosa fare, come viverla, ti ha colto alla sprovvista e finisci per subire anche quella, arrabbiata per non averla scelta.

Mi piacerebbe davvero tanto dirti: “Coraggio cara! Ho la bacchetta magica che risolverà in un attimo tutta questa situazione e sarai finalmente libera dalla schiavitù di un tempo che non basta mai!”.

O forse no, non mi piacerebbe dirtelo perché credo che la vita sia un cammino avventuroso da vivere con tutte le sue salite e discese, arcobaleni dopo il temporale, tramonti sul mare e sempre nuove albe all’orizzonte.

La libertà è una conquista e una strada da percorrere al tempo stesso e l’organizzazione è solo uno dei modi per farla tua in ogni istante e passo dopo passo.

Quello che posso fare è mostrarti tutti gli strumenti e le strategie che ho studiato, testato e vissuto perché tu possa conquistare ogni giorno quel pezzo di libertà che desideri.

Stabilire il tuo MIT per ogni giorno è uno di questi strumenti

Cos’è il MIT?

MIT è un acronimo inglese e sta per: Most Important Task.

In pratica, stabilire il tuo MIT della giornata, altro non è che decidere consapevolmente quale sarà l’attività più importante che ti avvicinerà al tuo obiettivo.

Come ti ho già raccontato QUI e QUI , l’obiettivo può essere molto ampio e lontano nel tempo, ma se lo dividi in sotto-obiettivi e stabilisci delle date sarà più facile individuare tutte le micro-azioni necessarie da inserire nella tua pianificazione per dar loro un tempo e uno spazio concreti e reali e non lasciare che restino solo desideri e buoni propositi.

“Non c’è niente di così inutile come fare efficientemente ciò che non dovrebbe essere fatto affatto”.

Peter Drucker

Perché scriverlo è una buona abitudine di produttività?

Devi avere il quadro generale della situazione e dei tuoi obiettivi per scrivere task utili. Metterlo nero su bianco ti permette di dichiarare i tuoi intenti e renderli più efficaci e soprattutto di farlo con uno stato mentale lucido e consapevole per non ritrovarti a scrivere to-do-list infinite dettate da urgenze e imprevisti.

Il MIT infatti non deve essere un’attività urgente, perché quella potrebbe non essere la tua priorità ma quella di qualcun altro. Di sicuro se stai vivendo sull’urgenza vuol dire che devi lavorare sull’arte della pianificazione e ti consiglio di dare un’occhiata qui, qui e qui.

Ma non è nemmeno una distrazione, ciò che ti attrae sul momento: una telefonata, una mail, un nuovo articolo da leggere… Queste sono voci che puoi per esempio aggiungere a una lista pianificandole per un blocco di tempo specifico.

Cosa faccio io ogni giorno per acquisire questa buona abitudine?

Scrivo sull’agenda ogni giorno 3 punti:  il MIT e altre due attività importanti che variano in base alla pianificazione settimanale e mensile.

Lo faccio la sera per quattro motivi:

1. Mi addormento meglio e più in fretta perché ho svuotato la mente e non devo pensare a cosa fare il giorno dopo, sarà l’agenda a ricordarmelo al momento giusto.

2. Al mattino ho subito le idee chiare e una strategia di massima per non dare potere a tutti i soliti ostacoli che mi si presenteranno davanti.

3. È il mio rituale serale di chiusura di giornata che mi permette di:

  • scrivere i task in modo più realistico in base a come è andata la giornata,
  • staccare completamente la spina mentalmente, ma anche quando ho lavorato da casa e non ho uno spazio lontano da chiudere e da cui allontanarmi fisicamente,
  • prendermi 5 minuti per analizzare la pianificazione e vedere come sta andando, cosa sono riuscita a fare, cosa è saltato e cosa è stato rimandato.

4. È anche il mio rituale mattutino di apertura di giornata perché mi permette di:

  • dare un tempo preciso a ciascun punto per inserirli al meglio all’interno di tutta la giornata,
  • sentirmi libera di cambiare idea, perché trovare già scritto nero su bianco quello che devo fare abbassa lo stress, e aiuta ad ascoltarmi e rivedere la pianificazione, se mi va..

Sentiti libera

Alcune teorie suggeriscono di dedicarsi al MIT come primissima attività della giornata, io non sono d’accordo sull’universalità di questo consiglio.

In generale non credo che esista mai una regola che valga indistintamente per tutti quando si parla di gestire la propria energia e scegliere cosa fare, per vivere il tempo come un dono anziché un nemico dispettoso che scorre troppo in fretta.

Credo nella consapevolezza e nel saper ascoltare se stessi, ciò di cui abbiamo bisogno e ci fa sentire e dare il meglio di noi.

Per esperienza, ti posso dire che ho incontrato persone che hanno bisogno di attivarsi in modo graduale facendo prima attività semplici, abitudinarie che impegnano per pochi minuti per dedicarsi poi con il massimo livello di concentrazione a ciò che è più importante.

E ti dirò di più, anche per una stessa persona possono esserci giornate in cui è molto più produttivo partire alla grande sul MIT e invece altri giorni in cui è più efficace rimandarlo nel corso della giornata fino a quando non si è certi di avere la giusta carica, energia, ispirazione e tranquillità emotiva!

Viva la libertà!

Non fissarti su uno specifico metodo, ma consideralo semplicemente per quello che è: uno strumento.

Uno strumento che, se usato in armonia con la persona che sei, può darti il prezioso potere di avere piena consapevolezza della tua vita senza sentirti smarrita e scossa da ciò che ti accade. Fanne buon uso.

Se vuoi scoprire come trovare il tuo personale metodo che si adatti alle tue esigenze e al tuo naturale modo di essere, scrivimi: carolina@myzenmanager.com e iniziamo dal tuo SATORI.

L’organizzazione rende liberi

Carolina

la Tua zen manager