Ogni anno la stessa storia, parti piena di entusiasmo con la convinzione che nell’anno nuovo cambierai qualcosa della tua vita e poi ti ritrovi al 31 Dicembre che sei punto e a capo.

Sicuramente c’è qualcosa che vorresti trasformare, lasciare indietro oppure ottenere.

I buoni propositi però hanno sempre un qualcosa di vago e indefinito e quasi sempre si ripresentano tali e quali ad ogni successivo primo Gennaio.

Lascia perdere ciò che vivi come una forzatura imposta dall’esterno o che senti fuori dal tuo controllo, concentrati invece su quello che per te è davvero importante e fai in modo di ottenerlo.

Ok Carolina! Sono pronta!

Ottimo! Concentrati e prendi bene la mira. Meglio pochi obiettivi ma in cui credi davvero, focalizza in loro tutta la tua energia e determinazione.

Purtroppo però forza di volontà e impegno sono fondamentali, ma non ti basteranno.

Per salvare i tuoi buoni propositi quello che ti serve è

ORGANIZZAZIONE!

L’anno nuovo costruiscitelo tu stessa, passo dopo passo, azione dopo azione, anche se ci saranno imprevisti ed eventi che non potrai controllare resterai salda sui tuoi binari.

Non importa che tutto sia perfetto, ma che tu possa essere libera di arrivare al traguardo consapevole e serena, sia esso lavorativo, famigliare, di benessere…

Siccome non conosco la tua situazione specifica, ma sono pragmatica e voglio aiutarti con consigli concreti, ho analizzato per te 3 tra i più comuni buoni propositi e per ciascuno ti darò alcuni spunti organizzativi che ti aiuteranno a non perderti strada facendo.

Premessa:

Ti parlerò di  buoni propositi, ma devi affrontarli come degli obiettivi precisi e concreti, non desideri.

Se vuoi ottenere qualcosa, qualunque cosa, che sia duraturo, soddisfacente e che diventi una buona abitudine nella tua vita, alla base deve esserci il tuo impegno e la tua determinazione.

L’organizzazione non è una bacchetta magica, ma è il miglior strumento che tu possa avere per sostenere la tua motivazione e ottenere risultati.

Salva 3 buoni propositi grazie all’organizzazione

  1. MANGIARE SANO
  2. FARE MOVIMENTO
  3. EVITARE GIORNATE FRENETICHE

    1) MANGIARE SANO

Questo è quasi sempre in cima alla lista, soprattutto dopo le abbuffate festive, ma è anche il primo che si abbandona perché si è sempre di corsa, ci sono mille cose da fare, si è sempre super impegnati, non si ha mai abbastanza tempo insomma.

Se davvero ci tieni a fare in modo che quello che mangi sia nutrimento sano allora basta davvero organizzarsi per trovare il tempo che ti serve.

Ecco cosa fare:

  1. Scrivi un menù settimanale o con un paio di alternative per contrastare la noia di mangiare sempre le stesse cose.
  2. Organizza il menu in base ai tuoi orari e ai tuoi impegni inserendo dei “salva-cena” controllati e consapevoli quando sai di essere più tirata, e dei pasti con cotture e preparazioni più lunghe ed elaborate quando sei più tranquilla.
  3. Tieni carta e penna in cucina a portata di mano (oppure usa le App sul telefono) per scrivere la lista della spesa e attieniti a quella.
  4. Vai a fare la spesa in un giorno prestabilito e con la pancia piena così non ti verranno strane idee per menù alternativi.
  5. Prepara in anticipo quanto più cibo riesci. Quando cucini un piatto abbonda (se possibile) con le porzioni e congela quelle in eccesso da scongelare nei giorni successivi quando non hai tempo di cucinare. Ogni 3 o 4 giorni preparati degli snack sani che puoi portare comodamente in borsa e che ti salveranno da ipercaloriche tentazioni.
  6. Tieni sempre in frigo o in dispensa alimenti sani che ti permettano di cucinare in pochi minuti e senza dover star troppo dietro ai fornelli (ad esempio uno dei miei must è la pasta con i broccoli che compro surgelati, mi basta far bollire l’acqua e mentre cuoce la pasta, sopra la stessa pentola uso una griglia che mi cuoce i broccoli a vapore con più o meno gli stessi tempi di cottura).

Se vuoi approfondire questo argomento ne avevo già parlato anche qui: Organizzare i pasti per mangiare sano e avere più tempo. 

      2) FARE MOVIMENTO

Al secondo posto, che va a braccetto con il primo, sempre anche grazie ai sensi di colpa delle recenti festività che hanno fatto salire l’ago della bilancia c’è il (ri)mettersi in forma.

Puntualmente nel giro di poco tempo altre attività prendono il sopravvento spalleggiate dalla pigrizia e dalla scusa (che tu chiami causa, e invece ti dico che è solo una scusa) della, guarda un po’, mancanza di tempo.

La soluzione è semplicissima:

Allenati in casa e punta la sveglia all’alba, prima di iniziare a correr dietro ai tuoi impegni, prenditi il tempo per tenerti in forma.

“Eh grazie! Non ce la farò mai ad alzarmi all’alba!”

Infatti stavo scherzando.

No, vabbè, scherzi a parte, in effetti alzarsi la mattina presto è caldamente consigliato e ti dà anche una bella carica!

Però io ti capisco, e salvo periodi di insonnia, l’idea di alzarmi all’alba per quanto mi piace, è sempre molto poco concretizzabile.

È anche vero, che la qualità del sonno può fare una buona differenza per alzarti presto e riposata (te lo spiego nel prossimo punto), ma a volte non basta.

Se proprio l’idea di alzarti alle 5.30 per allenarti ti fa rabbrividire non è detto che tu debba rinunciare a raggiungere il risultato che ti sei prefissata.

Anche perché possono esserci anche altri impedimenti che non ti consentono di allenarti la mattina.

Ad esempio se vivi in un piccolo appartamento e l’unico spazio per allenarti è la camera da letto e ci dorme tuo marito, magari non è felice di essere svegliato da te che salti la corda, per dire.

Oppure se fai un lavoro con orari che ti vincolano a iniziare molto presto, o se hai bimbi molto piccoli che ti tengono sveglia la notte e magari alle 5.30 anziché svegliarti, ti sei appena addormentata..

Se, se e ancora se… ma sono solo scuse, perché se “Fare più movimento” è davvero il tuo obiettivo basta solo organizzarsi.

In questo caso mi riferisco a un allenamento che non preveda orari fissi di corsi in palestra o sportivi, perché richiedono un tipo di organizzazione differente.

Ecco le mie dritte organizzative per allenarti a casa oppure in palestra, ma con orari flessibili.

  1. Sfrutta i tempi di attesa. No, non quelli alla fermata dell’autobus. Quelli in cui devi aspettare qualcuno o qualcosa. Ad esempio mentre i tuoi figli sono a qualche corso dopo scuola, oppure se hai fatto partire una lavatrice e hai una o due ore da aspettare prima di stendere, oppure se hai una pausa pranzo lunga inizia a preparare qualcosa e allenati finché non è pronto (oppure mentre cuoce la cena).
  2. Parti in quarta, ma anche no. Ci sono persone che una volta che hanno ingranato la marcia vanno via lisce senza problemi, altre che hanno bisogno di tempi più lunghi, di scaldare i motori. Se appartieni alla seconda tipologia prima di rinunciare completamente al tuo obiettivo pensa per piccoli step. Se per tutto l’anno scorso hai fatto ZERO, magari se pensi di fare DIECI duri poco, ma inizia a fare UNO, che è sempre meglio di zero. E piano piano che riesci a inserire l’attività fisica nelle tue giornate potrai incrementare.
  3. Preparati strategicamente abbigliamento e  attrezzatura. Questo mi ha salvato la sessione di allenamento tantissime volte. Spesso la parte più difficile è INIZIARE. Se ogni volta devi perdere mezz’ora solo per recuperare tutto l’abbigliamento sportivo passerebbe la voglia anche al più motivato. Tieni tutto in un unico posto, che sia comodissimo soprattutto per cambiarti e tieni vicini anche i vari attrezzi che ti servono. Io mi sono rassegnata al disordine in questo caso, in camera mia sono fisse due fit-ball, pesi, elastici, tappetini, step.. Fanno disordine, si, perché non ho lo spazio per ritirarli, ma ho deciso che allenarmi era più importante che avere la camera in ordine. Ricorda, è sempre una questione di priorità.
  4. Impara a dire di “NO”. Se questo è un vero Obiettivo con la O maiuscola e non solo un “vorrei ma…”, allora mettilo sul podio delle tue priorità e se hai fissato un tempo (basta un’oretta) per allenarti e qualcuno richiede la tua attenzione (amici, parenti, figli..) se non è questione di vita di morte, potrà aspettare.
  5. Se hai figli piccoli allenati con loro. Dipende dall’età, ma ci sono molti esercizi che prevedono proprio l’esecuzione in coppia con il tuo pargolo, oppure se sono più grandicelli prevedi uno spazio per loro in sicurezza e si divertiranno a imitarti.

Ricordi? Ti ho già presentato il mio punto di riferimento per tutto ciò che riguarda il mondo del fitness e della sana alimentazione: Giovanna Ventura. Se vuoi approfondire questi argomenti e trovare tanti utili suggerimenti la trovi QUI e QUI.

      3) EVITARE GIORNATE FRENETICHE

Arrivi da un anno in cui la sensazione più frequente è stata quella di correre da mattina a sera senza mai una sosta?

Ora vorresti imparare a controllare il tuo tempo perché tu possa avere sì giornate dense e impegnate, ma senza ansia, stress e corse folli.

“Dove se ne vanno quei minuti preziosi che mi darebbero modo di camminare anziché correre?”

Evitare completamente le giornate in cui sei in modalità pallina del flipper è piuttosto difficile perchè non dipende soltato da te, ma se ti alleni a giornate sostenbili sarà meno problematico affrontare gli imprevisti.

  1. Organizzati la sera prima. Prepara i vestiti, la borsa del lavoro, tieni in ordine tutto quello che serve per la tua ruotine mattiniera in modo da non perdere tempo.
  2. Dormi meglio. Avere una routine rilassante che ti faccia dimenticare i pensieri stressanti della giornata e smettere di utilizzare apparecchi elettronici almeno mezzora prima di andare a dormire aumenterà la qualità del tuo sonno e ti alzerai più riposata e con più energia per affrontare la giornata.
  3. Programma le scadenze per non ridurti sempre all’ultimo
  4. Imparare a usare le liste in modo produttivo per gestire gli impegni della giornata. Ne ho parlato anche qui: Lo Zen e l’arte di fare le liste senza mettere in pericolo la tua salute.
  5. Decidi prima quanto tempo dedicare a ogni singola attività e rispetta i tempi.
  6. Aumenta la produttività. Quando devi portare a termine un impegno, resta concentrata eliminando le distrazioni, ti permetterà di metterci meno tempo di quanto hai previsto, sarai più soddisfatta e finirai prima i doveri per aver più tempo per il piacere.
  7. Non procrastinare. È difficile lo so, ma se hai una cosa da fare che ti impegna per pochi minuti falla subito senza storie, poi dedicati alle altre attività mettendole in ordine di priorità.

Tutti questi buoni propositi hanno in comune una sola necessità:

AVERE PIÙ TEMPO

Il 90% delle persone che hanno partecipato al mio sondaggio del corso di XMAS Plan hanno dichiarato che

Avere più tempo e imparare a organizzarmi meglio è uno dei miei obiettivi, non solo per Natale, ma per tutto l’anno.”

Questo risultato parla da solo.

Avere più tempo sembra impossibile e invece è possibilissimo!

Trovare il tempo dove non pensi che ci sia è esattamente la mia specialità, quella che ogni giorno mi spinge a studiare e trovare soluzioni sempre più efficaci e specifiche da adattare per le mie clienti.

Ci vuole un piano personalizzato, ovviamente, hai il tuo lavoro, la tua famiglia, le tue specifiche esigenze, la tua vita è unica e diversa da chiunque altro.

E poi vuoi avere più tempo per cosa esattamente? Più tempo per te? Per la tua famiglia? Per viaggiare? Per fare sport? Per lavorare? Per coltivare un hobby? Per non fare assolutamente nulla?

Uno dei motivi per cui fallisci con i tuoi buoni propositi è dovuto allo sforzo di assimilare in poco tempo abitudini che non ti appartengono, che non riesci ad adattare al tuo stile di vita.

Con il mio metodo di My Zen Manager parto proprio dalle TUE necessità per trovare la soluzione migliore per TE offrendoti un percorso guidato che ti permetterà di imparare l’arte dell’organizzazione e applicarla nella tua vita una volta per tutte.

Quali sono i TUOI obiettivi per questo nuovo anno?

Vuoi avere più tempo?

Vuoi iniziare l’anno con il piede giusto e fare dell’organizzazione il tuo strumento per trasformare i buoni propositi in obiettivi da raggiungere?

Mandami una mail: carolina@myzenmanager.com e ti dirò come partire!

L’organizzazione rende liberi

Carolina

La Tua Zen Manager