Ho incontrato molte donne che amano follemente le agende, hanno planner di tutti i tipi e per tutti gli usi possibili e immaginabili.

Ho anche conosciuto diverse donne che invece hanno smesso di usare l’agenda quando ancora la si chiamava diario scolastico e si affidano, nella migliore delle ipotesi, solo ad App e Tools, oppure a post-it sparsi ovunque.

Io sono sempre per la libertà.

Devi sentirti libera di fare le tue scelte per vivere al meglio la tua vita.

Quindi, se non usi un’agenda, ma:

  • hai tutto il tempo che ti serve
  • non sei stressata, né incasinata, né sempre di corsa
  • ti ricordi tutte le scadenze, gli appuntamenti e le ricorrenze
  • hai sotto controllo le tue finanze
  • coltivi i tuoi hobby e le tue passioni
  • porti avanti tutti i tuoi progetti e realizzi i tuoi sogni
  • sei felice e soddisfatta della tua vita

Un bel “chisseneimporta dell’agenda” lo diciamo, o no?

Per esempio prendi Tizia:

Tizia ha 39 anni, lavora come impiegata nell’ufficio marketing di un’azienda che produce abbigliamento. Ha due figli che vanno alle elementari, un marito, un gatto e un coniglio. Va in palestra due sere a settimana, è presidente di un’associazione culturale e fa lavoretti con l’uncinetto.

Non vuole rinunciare alle sue passioni e ai suoi interessi perché è felice della sua vita così densa e appagante.

Certo ha le giornate pienissime e se le chiedi di uscire per un aperitivo farà fatica a liberarsi, è anche sempre molto stressata perché ha mille cose a cui star dietro, gli impegni dei figli, le faccende domestiche.

Spesso compra cibi pronti perché è troppo stanca per cucinare e ogni tanto soffre di insonnia e emicrania, ma ha anche un lavoro impegnativo, è la vita.

Tizia, scusa, ma la usi un’agenda?

“Si certo ho l’agenda per gli appuntamenti, ma poi la lascio sempre in ufficio. Non voglio usarla anche per casa altrimenti mi sembra di portare sempre il lavoro con me anche nel tempo libero”

Credi anche tu che Tizia potrebbe farsi aiutare da un’agenda?

Primo mito da sfatare

L’agenda serve solo per segnare gli appuntamenti (e io ho pochi appuntamenti).

L’agenda in realtà è un ottimo strumento per pianificare ogni tipo di attività.

È utilissima anche per chi non ha tanti appuntamenti da segnare e pensa di non poter giustificare l’acquisto di un’agenda.

Puoi utilizzare un planner in moltissimi ambiti:

  • lavoro: segnare gli appuntamenti, ovvio, ma anche seguire il timing dei progetti, il calendario editoriale di un blog, pianificare scadenze a lungo termine..
  • hobby e tempo libero: segnare i cicli stagionali e lunari per coltivare l’orto, bagnare le piante, per scrivere pensieri di gratitudine, per annotare progressi sportivi, mete di viaggi, serie tv, libri da leggere, scrivere ricette…
  • salute: per tenere un diario alimentare, segnare cure specialistiche
  • faccende domestiche: programmare le lavatrici, quando fare la spesa, quando fare manutenzione della caldaia, la revisione dell’auto…
  • famiglia: per non dimenticare i compleanni e altre ricorrenze, gli impegni dei figli, per appuntamenti non lavorativi, idee per fare i regali di Natale…
  • bilancio economico: segnare le spese, le scadenze dei pagamenti…

***

Ora ti racconto di Caia:

Caia ha 37 anni, lavora come giornalista nella redazione di un settimanale locale. Ha una figlia quasi adolescente, un compagno e due gatti. Ha degli orari di lavoro molto imprevedibili, la linea di confine tra orario fisso e straordinari praticamente non esiste, ma fa il lavoro dei suoi sogni e le va bene così.

È vero, vorrebbe andare in palestra, vorrebbe finire di leggere tutti i libri che ha iniziato e lasciato a metà sul comodino e vorrebbe anche insegnare a sua figlia più grande a suonare la chitarra come faceva da ragazza.

Vorrebbe, questo e molto altro, ma non riesce mai a trovare il tempo per fare nulla che non sia seguire la corrente del lavoro.

Caia, scusa, ma perché non usi un’agenda?

“Non mi serve l’agenda, sono sempre in giro e ho tutto segnato su Google Calendar, mi arriva una notifica ogni volta che ho un impegno, così non dimentico nulla!”

Ah si certo è perfetto! Ma per quella faccenda di avere il tempo che non trovi?

Secondo mito da sfatare

L’agenda è obsoleta, siamo nell’era del digitale

Sono d’accordo che la tecnologia sia un validissimo supporto organizzativo: veloce, intuitivo, pratico.

Scrivere però a mano su un supporto cartaceo ha almeno 3 vantaggi immediati:

  • Ti aiuta a fissare meglio i contenuti di ciò che scrivi, alleni la memoria e non ti affidi completamente a un supporto tecnologico esterno.
  • Ti permette di pianificare e monitorare meglio tutti i progetti, anche quelli in corso d’opera e quelli che devi ancora iniziare e sono ancora solo sogni da realizzare.
  • Alleni la consapevolezza del tempo che hai a disposizione per ottimizzarlo e trovare più tempo per tutto ciò che non sia solo un appuntamento.

E poi se sei al telefono e devi segnarti qualcosa ammetterai che sia un po’ scomodo…. Anche se anche a me in emergenza è capitato di scrivere appuntamenti su tovagliolini di carta del bar usando la matita per gli occhi.

Tutto si risolve, ma anche qualcosa di semplice può trasformarsi in qualcosa di complicato senza una buona organizzazione.

***

Dai, sono sicura che con Sempronia andrà meglio.

Sempronia ha 28 anni, lavora come fotografa freelance per diversi laboratori di grafica e design. Non ha figli, ha un fidanzato, un cane e pratica nuoto a livello agonistico. Adora viaggiare, ogni volta che può fa la valigia e parte alla scoperta di una nuova meta e cerca sempre di integrarsi con le persone del luogo.

Racchiude ricordi ed emozioni nelle sue fotografie e tiene un taccuino per annotare i pensieri.

È una ragazza creativa e piena di energia.

Vorrebbe creare un suo sito web per raccontare i suoi viaggi attraverso un blog e le sue foto, il problema è che non trova mai il tempo per mettersi tranquilla e concretizzare il suo sogno.

Sempronia, hai mai pensato di riuscire a realizzare il tuo sogno con l’aiuto di un’agenda?

“Una volta ho provato a usare un’agenda, ma era scomodissima da portare in giro, non avevo abbastanza spazio per scrivere e l’ho abbandonata dopo due mesi”

Terzo mito da sfatare

L’agenda è un’agenda, una vale l’altra.

Qui potrei aprire tutto un nuovo post del blog (e probabilmente lo farò).

Diciamo che posso garantirti con assoluta certezza che l’agenda perfetta che vada bene a te e a tutte non l’hanno ancora inventata.

Tuttavia esiste un bel “parco agende” talmente vario che ogni volta che lo elenco mi viene sempre il dubbio di aver dimenticato una qualche sottocategoria tipologica.

Aver testato un’agenda una volta e abbandonarla perché non ti ha soddisfatto è molto probabile che accada.

Soprattutto se non hai ancora ben chiaro che tipologia di agenda possa fare al caso tuo.

Uso il termine generico agenda, ma in realtà mi riferisco a tutto un mondo molto vasto che comprende quaderni rilegati, planner da tavolo, agende giornaliere, da 12, 16 o 18 mesi..

Le agende si dividono in base

  • Al contenuto: giornaliera, settimanale, mensile, libera
  • Alla dimensione: A5, A4, pocket, personal…
  • Alla rilegatura: a libro, a spirale, ad anelli, con fogli incollati da staccare…
  • Al design: colorato, monocolore, in pelle, in cartonato, di marca..

 

Le combinazioni tra le varie opzioni sono davvero tante, ma io le ho testate per te e

posso aiutarti a valutare pro e contro per ognuna

consigliarti come utilizzarla al meglio.

***

Qual è la tua storia?

Se non ne hai mai usata una o se non sei soddisfatta di come la stai usando, ogni giorno, anche oggi stesso, è quello giusto per iniziare o imparare nuovi metodi di organizzazione utilizzando questo fantastico strumento.

Ho detto strumento e non è una bacchetta magica.

Se la tua vita è incasinata e una continua corsa contro il tempo non sarà l’agenda a essere organizzata al posto tuo.

Devi saperla usare a tuo vantaggio.

Migliorare le proprie capacità organizzative è un processo graduale che non si smette mai di affinare.

Vuoi ricevere gratuitamente e direttamente nella tua email tutti i miei consigli per diventare più organizzata senza stressarti?

È semplice

Clicca sul link, iscriviti e scarica subito il tuo regalo: Newsletter MyZenManager

Ci vediamo di là.

L’organizzazione rende liberi

Carolina

la Tua zen manager