Tra circa un mese suonerà l’ultima campanella della scuola, liberi tutti fino a Settembre!

Ah no, tu no.

A meno che tu possa permetterti di dedicarti esclusivamente alla prole per quasi tre mesi, adesso, prima che le scuole chiudano, devi darti da fare per impostare nuove routine, riattivare vecchie abitudini e trovare il giusto equilibrio per conciliare il tuo lavoro e la “collocazione” dei pargoli.

Si, ti conviene muoverti un po’ in anticipo (e non aspettare davvero l’ultima campanella), perché ci sono molti aspetti che devi considerare, ma con la giusta organizzazione ti risparmi stress e ansie varie.

Ci sono almeno 3 aspetti fondamentali su cui puoi iniziare ad attivarti:

  1. C’è il tuo lavoro che non deve risentirne
  2. Ci sono altre persone che dovrai coinvolgere
  3. Ci saranno nuovi ritmi a cui tutta la famiglia dovrà abituarsi

IL LAVORO CONTINUA

Va bene vivere ogni attimo presente con consapevolezza, ma guardare un po’ più avanti ti farà arrivare al presente meno affannata.

Adesso che c’è ancora la scuola considera la possibilità di portarti in vantaggio su alcuni aspetti del tuo lavoro.

A volte non è possibile, altre volte invece semplicemente non ci pensi.

Quelle mail, quelle pratiche, quei progetto…. Le hai pianificate per l’autunno e nella tua mente le percepisci ancora distanti, sai di avere ancora il giusto tempo per dedicarti a quelle attività.

Attenta! Stai facendo un grave errore di valutazione.

Se sei mamma (ma anche una zia che aiuta ad accudire i nipoti) il tempo estivo può trarre in inganno!

Tre mesi solari con la prole da gestire equivalgono almeno a uno o due mesi in meno.

È successo così a Michela (che chiameremo così) proprio l’estate scorsa che mi ha chiamato in preda al panico per aver sottovalutato questo aspetto.

Senza contare che in Italia il mese di Agosto è considerato socialmente e culturalmente ancora vicino allo zero per la produttività lavorativa, visto che si concentrano i periodi di ferie per tantissime aziende in molti settori.

Quindi, se per un progetto hai considerato 3 mesi di tempo, va bene tra settembre e giugno, ma se c’è l’estate delle scuole chiuse in mezzo, ti consiglio caldamente di rivedere la tua pianificazione.

Oltre a questo, nella tua organizzazione, tieni anche conto del clima.

Se sai di non sopportare tanto il caldo, organizzati per concentrare le ore lavorative la mattina presto o la sera e goditi un po’ di ritmo lento dedicandoti ad attività meno impegnative durante le ore più calde della giornata.

Anche questo è successo a Michela (che è un’altra Michela, ma sai che per comodità e privacy le chiamo tutte allo stesso modo).

Michela aveva fatto dei piani stupendi per l’estate, tanti bei posti da vedere, tanti giochi da fare con i figli, ma soprattutto aveva pensato: “Si dai che in estate le giornate sono lunghe, c’è il sole, siamo tutti più rilassati…avrò sicuramente molto più tempo per incastrare tutto”.

Seee, come no.

Estate 2017, ricordi? Una delle più torride di sempre, tutti a boccheggiare facendo il minimo sindacale.

Oppure, al contrario, se il sole ti carica di energia, come alla sottoscritta, potresti organizzarti per dedicare qualche ora di lavoro in uno spazio aperto, magari in terrazza, in giardino, al parco.

LA SOLUZIONE ARRIVA DA MOLTE DIREZIONI

Nonni, baby-sitter, centri estivi, campi scuola sportivi, zii, amici, vicini di casa…

Se non puoi allontarti dal tuo lavoro, ci sono tantissime e validissime soluzioni alternative, ma quando devi coinvolgere altre persone vanno avvisate con il giusto anticipo per fare in modo che nessuno si senta imprigionato da obblighi e doveri e devi fare attenzione a tutte le tempistiche di iscrizione.

Dal punto di vista organizzativo ricordati di valutare:

  • Tutte le proposte in base alle esigenze, ma anche alle preferenze, senza subirle come qualcosa che “devi” fare per esigenze di lavoro, ma piuttosto come tante belle esperienze da vivere e ricordare. Idem per i tuoi figli che non si sentano dei “pacchi” da spostare di qua e di là, ma che invece sia felici della loro bella estate.
  • La possibilità di alternare le varie opzioni. Ad esempio potresti iscriverli al centro estivo solo la mattina e il pomeriggio lasciarli con i nonni, oppure lasciare tranquilli i nonni finché c’è il servizio del centro estivo e chiedere il loro aiuto solo ad agosto…. Solo qualche esempio giusto per darti un’idea.

Il principio in linea generale è quello di farsi un’idea di tutte le proposte, scegliere con consapevolezza e avere un’idea anche di massima di come saranno i prossimi mesi per gestire tutto senza ansia.

CAMBIANO LE ABITUDINI

Anche i bambini sono stanchi, non hanno più voglia di fare corse mattutine contro il tempo e passare tante ore fuori casa.

È giusto che i ritmi e le solite routine cambino.

Sarà necessario un primo periodo di assestamento, è naturale.

Ma il periodo estivo delle vacanze è l’occasione per fare più cose insieme e vivere nuove esperienze.

Potresti coinvolgere i tuoi bambini in attività che prima facevi da sola (le pulizie, la spesa..). Ci metterai più tempo di quello che impieghi ora, ma potrebbe essere divertente, educativo e diventare un tempo prezioso.

Non ci sono più le lezioni a scuola, ma ci saranno i compiti. Perché non diventino un incubo la pianificazione è fondamentale.

Avevo giù affrontato l’argomento in nel periodo natalizio: Come organizzare i compiti e avere tempo per godersi le feste

Lo sai che il tempo vola, e quando si è in vacanza e ci si diverte, vola ancora di più!

Ci vuole una riprogrammazione delle tue tabelle di marcia alternando i momenti di attività o di compiti al tempo per divertirsi, andare in ferie e anche oziare e annoiarsi!

Magari mi immagini a programmare le attività delle mie due bimbe in rigidi schemi serratissimi in cui ogni minuto della giornata è organizzato con qualcosa da fare.

Niente di più lontano dalla realtà.

Hanno già tutto l’anno scolastico fitto di scadenze, programmi e orari da rispettare, l’estate è fatta anche per annoiarsi e lasciare tanto spazio all’immaginazione.

A proposito di cos’è per me l’organizzazione e la gestione del tempo, lasciami aggiungere ancora un paio di cose, da mamma a mamma.

Anche se sai che le vacanze in cui stacchi del tutto sono veramente rare; anche se ti senti sempre un po’ in colpa a dover lasciare i bimbi con altri diversi da te anche in estate; anche se parti con mille buoni propositi di attività da fare con i tuoi figli, ma poi tra un’urgenza e un imprevisto non riesci a fare tutto..

Sappi che con un po’ di attenzione, consapevolezza e l’approccio giusto potrai vivere la stagione più calda senza corse ad ostacoli e arrivare all’autunno serena e soddisfatta.

Ma soprattutto sappi che qualunque cosa deciderai di fare andrà bene perché solo tu sai cosa è meglio per te e i tuoi figli.

L’organizzazione è solo uno strumento.

Non conosco la tua situazione specifica, che lavoro fai, quanti figli hai e di quanti anni, se hai persone vicino che ti possono aiutare, se andrai a fare un viaggio, cosa hai deciso di fare per quest’anno… Sono tutte informazioni da tener presente per poter usare al meglio metodi e strategie organizzative.

Per avere una soluzione personalizzata che tenga conto delle tue reali esigenze è questo il momento giusto per prenotare la prima consulenza e prepararti a goderti l’estate in perfetto equilibrio tra lavoro e famiglia.

Scrivimi una mail: carolina@myzenmanager.com e parliamone.

L’organizzazione rende liberi

Carolina

La Tua zen manager