Ogni viaggio inizia ben prima della partenza, “prima lo sogni, poi lo vivi e poi lo ricordi” si dice, e credo che anche per te sia proprio cosi.

Ciascuno di questi tra momenti è molto importante ed è come se facessero tutti parte di un unico momento presente sul quale ti devi dedicare con cura e attenzione.

Nella prima fase, del sogno, i giorni sono sempre un po’ scombussolati, strani, un po’ in sospeso tra la solita routine e il desiderio di stravolgerla.

Ti capitano piacevoli momenti in cui già ti senti già altrove, ma subito la realtà, come suo solito, ti riporta davanti alle faccende da sbrigare e il tempo che non basta mai.

Devi prepararti per qualcosa che magari hai immaginato, programmato e aspetti da mesi, ma l’organizzazione del viaggio in realtà diventa tante voci da aggiungere alla tua già stracolma to-do-list.

È un vero peccato che in un nanosecondo qualcosa di bellissimo come un viaggio possa minare il tuo già precario equilibrio portando scompiglio nelle tue giornate. Non c’è niente di peggio che dover aggiungere altri pensieri, vero?

Purtroppo il teletrasporto e altre meravigliose magie non le hai ancora disponibili e non ti basterà chiudere gli occhi per ritrovarti nel luogo che hai desiderato con tutto quello che ti serve.

Quello di cui hai bisogno è una bella pianificazione che ti permetta di vivere il sogno, nel pacchetto completo, dall’attesa al ricordo senza stressarti.

I preparativi possono diventare molto stressanti quando non sai cosa portarti, hai paura di dimenticare qualcosa che ti creerà disagi e gli impegni quotidiani ti costringono a ridurti all’ultimo minuto per fare tutto!

Cosa ovvia è iniziare a muoverti con il giusto anticipo in base alla complessità del viaggio.

Ad esempio se devi andare in Cina dovrai preoccuparti di tutti i documenti necessari e soprattutto tenere conto delle tempistiche burocratiche. Se invece andrai qualche giorno sulla Riviera Romagnola in un albergo all-inclusive ci sarà ben poco da fare nelle settimane precedenti.

Qualunque sia la vacanza che ti aspetta sarà bellissima, ma è tutta questa parte organizzativa che ti scoccia e il fatto di doverti prendere del tempo extra rispetto a quello che già riempi velocemente e corre via in un lampo.

Come ben sai però a me interessa fornirti gli strumenti necessari per acquisire un metodo su cui tu possa mettere le basi e poi adattarlo alla tua situazione specifica.

 

Il sistema organizzativo con cui affrontare i preparativi per una vacanza in realtà, sono poi sempre gli stessi che leggi nel mio blog e puoi applicare in qualsiasi ambito.

Oggi ho pensato per te a qualche semplice domanda che ti aiuterà a scrivere le tue liste o programmare le lavatrici o pianificare il tuo lavoro da freelance… e partire serena e rilassata per questa meritata vacanza!

FARE LA LISTA

Cosa farai là? Immagina la giornata

  • Che tipo di vacanza sarà? Prevedi di stare in spiaggia tutto il giorno oppure camminerai molto per visitare le città?
  • Che luoghi andrai a visitare?
  • Con che mezzi ti sposterai?
  • Come ti dovrai vestire? Per quanti giorni? Ci saranno situazioni particolari (cene eleganti, notti nel deserto, luoghi sacri…)
  • Andrai in un paese con un moneta diversa o un voltaggio elettrico diverso?

Più ti abitui a fare mente locale su dove sarai e cosa potesti fare e più sarà facile elencare quello che dovrai mettere in valigia e il rischio di dimenticare qualcosa sarà minimo.

Infondo immaginare è già parte del viaggio.

PIANIFICARE E DELEGARE

Cosa lasci indietro della tua vita privata?

  • Animali domestici, piante, orto..
  • Una casa pulita e sicura
  • Conti a posto, bollette pagate..

Questi aspetti a volte sono quelli che possono stressare di più proprio perché non fanno parte dell’immaginazione della vacanza e, magari, ti ricordi di alcuni aspetti solo all’ultimo quando il tempo per organizzarti è sempre meno.

Se hai animali domestici che non puoi portare con te dovrai pensare per tempo a chi dovrai contattare perché se ne prenda cura, magari hai delle piante o un orto e potrebbe esserci un vicino disposto a raccogliere i tuoi ortaggi senza farli marcire.

Anche la pulizia della casa e la sua sicurezza deve essere inserita nella pianificazione, per esempio potresti preparare un menù per gli ultimi giorni prima della partenza in modo tale da non lasciare il frigo e il freezer pieni di cibo. Se dovesse andare via la corrente mentre sei via?

Anche l’avviso di una bolletta non pagata o la cucina invasa dalle formiche possono essere evitati con un pizzico di organizzazione.

Piccoli aspetti di vita quotidiana di cui tener conto.

Delegare e pianificare servono molto semplicemente proprio per evitare brutte sorprese che ti rovineranno il rientro.

Cosa lasci indietro della tua vita lavorativa?

Anche il lavoro occupa una parte importante dell’organizzazione della vacanza.

  • Sarai reperibile durante il viaggio?
  • Porterai con te una parte del tuo lavoro? Cosa invece lascerai in pausa fino al tuo rientro?

Anche in questo caso pianificare e delegare sono aspetti molto importanti da non sottovalutare.

Se non sarai reperibile è bene comunicarlo, ed è anche giusto che tu ti goda la vacanza, ma se non vuoi che la tua attività si fermi del tutto dovresti prevedere degli automatismi o la possibilità di programmare alcune attività. Oppure decidere consapevolmente di non fare assolutamente nulla, oppure, senza farti ossessionare dalla produttività, ti basteranno veramente pochi accorgimenti e nessuno si potrebbe accorgere della tua assenza se è questo che vuoi.

RISTABILIRE ORDINE E EQUILIBRIO

Cosa farai quando torni?

Anche se nessuno dovesse accorgersi della tua assenza, tu per un certo periodo di tempo avrai cambiato abitudini, creato nuove routine e potresti aver bisogno di un periodo di assestamento.

I primi giorni potresti essere prontissima e piena di energia per ripartire alla grande, oppure potresti non riuscire a ingranare.

In ogni caso se tu avrai già previsto le attività da fare, che tu vada come un treno o come un bradipo, di sicuro non perderai di vista le cose più importanti e ti sentirai tranquilla.

  • Controlla che niente sia rimasto indietro (bollette, assicurazioni..)
  • Tieni conto del tempo che ti servirà per disfare le valige, lavare i vestiti, fare la spesa…

GESTIRE GLI IMPREVISTI

Cosa potrebbe capitare di spiacevole?

  • Potresti aver bisogno di medicine?
  • Potrebbe rompersi qualcosa?
  • Potrebbero esserci dei ritardi?

Gli imprevisti per loro natura non puoi controllarli, ma puoi agire in anticipo in modo da renderli il più inoffensivi possibile.

Così come hai immaginato la giornata prima, allo stesso modo, ma un po’ meno piacevole prova a pensare alle difficoltà che potresti incontrare perché ti trovino preparata.

Ora prendi la tua agenda e pianifica tutto quello che ti serve fare in base all’idea che ti sei fatta della tua vacanza.

Se ci sono alcune cose di cui potresti aver bisogno prenditi il tempo di andarle  a comprare oppure programma le tue giornate in modo da ritagliarti sempre un pochino di tempo da dedicare all’organizzazione del viaggio facendo qualcosa ogni giorno.

Infine semplifica più che puoi, viaggia leggera, elimina il superfluo.

Rispondendo a queste domande avrai già capito quello che è indispensabile, tutto il resto non ti rovinerà la vacanza se dovessi dimenticarlo o se dovesse andare in modo diverso da come lo hai previsto

Se pensi che imparare a organizzarsi sia complicato e solo per persone inquadrate in rigidi schemi, ti sbagli perché chiunque può imparare a gestire il tempo acquisendo un proprio metodo che non stravolga il naturale modo di essere.

Per ricevere gratuitamente ogni settimana i miei consigli per imparare passo passo a mettere in pratica metodi e strategie e fare dell’organizzazione il tuo miglior strumento per liberarti dalla schiavitù del tempo, clicca QUI e accedi alla newsletter.

L’organizzazione rende liberi

Carolina

la Tua zen manager