Questo articolo chiude la trilogia dedicata alla pianificazione. Se ti sei persa le prime due puntate puoi recuperare subito. QUI trovi la prima parte dedicata ai primi quattro step fondamentali che non puoi fare a meno di seguire per progettare il percorso dall’idea alla realtà. QUI invece ci sono gli altri quattro aspetti che devi sempre considerare per avere ben chiari tutti i passaggi necessari e passare dalla teoria alla pratica.

A questo punto sei pronta per pianificare molto bene tutta la tua strada verso la meta che vuoi raggiungere, sai quali ostacoli potresti incontrare e come intervenire per superarli.
Hai scritto a chiare lettere il tuo obiettivo, hai fatto l’elenco delle risorse che ti serviranno e come reperirle, il tuo foglio non è più bianco, ma ricco di passaggi, parole e date. Ti sei anche segnata tutti gli aspetti a cui prestare particolare attenzione e sai perfettamente quali saranno di volta in volta le priorità e come adattare il tuo piano in caso di imprevisto.

Ottimo, ma c’è ancora un piccolissimo problema: rischi che tutto questo sia perfetto sulla carta, ma che si perda nel nulla una volta incontrata la tua quotidianità.
Puoi anche fare il miglior piano della tua vita, ma se ti fermi ora, non ti garantirai la buona riuscita e il raggiungimento del risultato che desideri.
Succede, perché la vita può sorprenderti, nel bene e nel male, può metterti di fronte a qualcosa che non avevi potuto prevedere o puoi  semplicemente aver sottostimato o sovrastimato alcuni elementi determinanti.

Se hai già provato a fare mille programmi e alla fine qualcosa è sempre andato storto, forse ti mancano proprio questi ultimi 3 tasselli.

L’ABC della Pianificazione. Gli ultimi 3 passi

9° Monitora i progressi, in tempo

Quando definisci gli step e i sotto obiettivi poi tienili d’occhio con regolarità. Se stai pianificando i tuoi obiettivi economici e di crescita del tuo business pensarci solo a gennaio per sognarli e a dicembre per disperarti, non è pianificazione.
Se devi incastrare tutte le attività della famiglia, del tuo lavoro, della gestione della casa e vuoi anche trovare spazio per i tuoi hobby non sarà sufficiente riempire tutte le caselline all’inizio del mese con ogni attività al posto giusto e poi sperare che nessun imprevisto scombini i piani.

Prendi l’abitudine di dedicare 5 minuti ogni giorno alla tua pianificazione, qualche minuto in una volta alla settimana e almeno un’ora una volta al mese.
Controlla regolarmente la tua agenda che è una preziosa alleata della pianificazione e ti aiuta a essere pienamente consapevole di tutto ciò che sei riuscita a fare e cosa invece no ed è necessario riprogrammare.

10° Impara a dire di no e stabilisci i tuoi confini

Quante volte ti sei impegnata a fondo nel costruire il tuo bel programma fin nei minimi dettagli, hai tenuto conto di tutto e poi è bastata la richiesta di qualcuno a far finire tutto in secondo piano o peggio nel dimenticatoio.
Se fai tutti i 9 passi fino a qui e poi non dai a te stessa, al tuo obiettivo e alla tua priorità l’importanza che meriti non riuscirai mai a rispettare i tuoi piani perché non andranno avanti da soli.

Non continuare a dedicare il tuo tempo a tutti tranne che a te stessa, stai consumando tutta la tua energia e quella che resterà per te non sarà mai sufficiente per rispettare i tuoi progetti e riuscire a realizzarli.
Sentiti libera di decidere del tuo tempo rispettando te stessa e gli altri. È possibile, non è utopia.

11° Ascoltati e osservati con consapevolezza

Il tuo piano, che è perfetto sulla carta, rispetta il tuo naturale bioritmo, le tue abitudini, le tue preferenze?
Quando hai stabilito l’attività da fare e quando farla, hai tenuto conto del fatto che la sera sei stanchissima e il tuo momento di massima produttività è la mattina presto? O viceversa?
Hai considerato il TUO tempo e il TUO modo di fare le cose? Se per esempio sai che non riesci a partire subito in quarta, ma che una volta che hai ingranato la marcia non hai problemi di resistenza devi tenerne conto nella tua pianificazione in modo da tenerti un tempo sufficientemente lungo. Al contrario se sai che la tua capacità di attenzione è ancora da migliorare e sei molto più efficiente nel breve periodo sarai più produttiva dedicandoti alle attività in modo più breve e concentrato.
Possono esserci davvero molti fattori da tenere presente che possono condizionare la tua capacità non tanto di scrivere una bella pianificazione, quanto di riuscire a rispettarla o adattarla facilmente in caso di imprevisto.

***

Questi sono undici elementi che costituiscono le fondamenta del metodo definitivo per imparare a pianificare, rispettare i tuoi piani e riuscire a raggiungere serenamente i tuoi obiettivi.
La perfezione non è contemplata perché non è ciò che ti rende felice.

Cosa puoi fare ora che conosci tutti questi importanti punti? Non scoraggiarti se ti sembra qualcosa di difficile o complesso, ma inizia.
Parti dal numero 1 e poi man mano procedi passo dopo passo, oppure segui il tuo intuito e inizia da uno di questi aspetti che senti di dover migliorare e lavoraci su fino a quando ti sentirai abbastanza sicura.

Se vuoi pianificare il tuo prossimo anno e non vuoi procedere per tentativi puoi scrivermi e iniziare un per-corso con me.
Sarò la tua guida per tutto il tempo necessario affinché tu possa realizzare i tuoi desideri e trovare tutto il tempo che ti serve per ciò che per te è importante. Mi trovi QUI.

L’organizzazione rende liberi

Carolina

la Tua zen manager