Occuparti del riordino e della pulizia della casa, può piacerti o non piacerti, ma se lo percepisci solo come un dovere, come una pesante voce da aggiungere alla tua to-do-list, ti rimarrà sempre addosso quella sensazione di aver perso del tempo prezioso che avresti potuto dedicare ad altro.

E se ci fosse qualcosa di più? E se ci fosse un modo per prenderti cura di te stessa oltre che degli ambienti in cui vivi? Perché non provi a trasformare il tempo delle pulizie in qualcosa di piacevole e rigenerante, anche se non sono la tua priorità?

Oggi vorrei proprio parlarti di 3 modi per vivere al meglio organizzando questo tempo per la casa come un momento in cui dedicare cura e attenzione anche a te stessa, e nessun minuto sarà trascorso invano.

 

Allena la consapevolezza

Il punto di partenza per imparare l’arte dell’organizzazione, per migliorare la gestione delle attività e smetterla di affannarti dietro a un tempo che non basta mai è la consapevolezza. La consapevolezza di come vivi ogni giorno, il renderti conto di cosa fai, quando la fai, quante volte di distrai, quanto tempo ci metti, come ti senti, in quale momento scegli di fare un’azione piuttosto che un’altra e via dicendo…

Essere consapevoli però è molto facile da dire, molto meno da mettere in pratica, ma si può imparare e allenarsi per migliorare.

Attraverso le pulizie puoi infatti ritagliarti dei momenti molto preziosi per questo tipo di allenamento che ti insegna a essere pienamente presente a te stessa, nel “qui e ora”, concentrata profondamente su ciò che stai facendo. Anziché seguire meccanicamente e in modo passivo la tua routine, puoi metterci l’attenzione necessaria per migliorarla ancora.

Potresti accorgerti che è più il tempo che passi a girare da una parte all’altra della casa, come una trottola a prendere o spostare ciò che ti serve, anziché il tempo che passi davvero a pulire. Oppure potresti renderti subito conto di come tu riesca a finire molto più velocemente quando tutte le tue energie sono rivolte verso l’azione che compi e non disperse a tutte le altre millemila cose a cui stai pensando di dover fare dopo. Potresti isolarti dal resto del mondo e concentrarti solo su di te, i tuoi movimenti, il tuo respiro, i tuoi sensi mettendo in connessione te stessa con l’ambiente che ti circonda pianificando questi momenti quando sai che nessuno potrà disturbarti.

Spazza via le tensioni

Metaforicamente parlando le pulizie possono diventare una pulizia dell’anima, come dice Keisuke Matsumoto, autore di “Manuale di pulizie di un monaco buddhista” che invita ad affrontare il lavoro domestico con un nuovo atteggiamento.

A me capita spesso, quando magari mi sento arrabbiata o stressata o confusa, di sentire il bisogno di muovermi per scaricare la tensione e riordinare, svuotare, pulire può essere il modo per liberarmi di queste zavorre che appannano la mente. È come se a ogni gesto fisico di spazzare, buttare, riordinare, lavare…ne corrispondesse uno simbolico in cui butto pensieri limitanti, arieggio la mente per far entrare nuove idee e stimolare la creatività.

Potresti organizzare le tue routine di pulizia e riordino in modo da inserirle come momenti di pausa tra una sessione e l’altra di lavoro per distrarti, ricaricarti, scrollarti di dosso tutto ciò che non ti fa stare bene.

Concediti una coccola

Al posto di concentrarti solo sul senso del dovere, sulla fatica che ti attende, su tutto ciò che di alternativo preferiresti fare e tutti i luoghi in cui vorresti essere purché dove sei, potresti invece concentrarti sulla soddisfazione del risultato finale e sulla ricompensa che ti concederai quando avrai finito. Può essere l’occasione di alimentare la tua autostima partendo da qualcosa che fai malvolentieri per poi scoprire quanto sei invece stata bravissima a finire.

Vivi il momento delle pulizie come una vera e propria coccola nei tuoi confronti organizzandoti in modo da avere con te tutto quello che desideri per sentirti bene, puoi ascoltare la tua musica preferita, sorseggiare una tisana, mettere in posa una maschera di bellezza, procurarti un bel mazzo di fiori da mettere in bella vista nella tua casa così accogliente e splendente.

 

Le faccende domestiche non sono sicuramente la mia priorità, ci possono essere altre quattroncentordici cose che vorrei fare al posto di riordinare e rassettare…. ma ho scelto di vivere ogni giorno nel miglior modo possibile.

Per te qual è il miglior modo possibile di vivere?
C’è qualcosa nella tua vita, che dipende da te, che ti toglie tempo senza darti nulla in cambio?

Vuoi scoprire come il mio sistema di organizzazione mi rende libera dalla mancanza di tempo? Iscrivi alla mia newsletter dove ti racconto un po’ della mia vita, del dietro le quinte del mio lavoro e dove approfondisco alcuni temi come quello di oggi.

Puoi iscriverti QUI.

L’organizzazione rende liberi

Carolina

La Tua zen manager

 

Foto di Yuri_B da Pixabay