Quando sei fuori casa tutto il giorno e non vedi il disordine, va tutto relativamente bene, come si dice: occhio non vede, cuore non duole. Salvo poi, a un certo punto, che sia un’ora al giorno o un intero week-end, ritrovarti a dover fare i conti con quel caos e, a meno che tu non abbia qualcuno che si occupi di tutto, rischi di dover sacrificare tempo per te stessa, tempo per la tua famiglia, per i tuoi animali, per i tuoi hobby, per i tuoi sogni.

Le faccende domestiche in qualche modo, da quando sei diventata adulta e vivi per conto tuo, hanno preso prepotentemente una fetta delle tue preziose 24 ore, ma non devi diventarne schiava!

Anche quando, nella teoria, sai benissimo quali sono le tue priorità e ti dici che “Non importa se la casa è in disordine e da pulire, io adesso mi metto sul divano a leggere il mio libro”, nella realtà invece, capita spesso di non essere pienamente serena, ti senti in colpa. È una libertà a metà se il tuo pensiero è impegnato a preoccuparsi sapendo che ci sono altre cose da fare che tu stai ignorando.

Proprio questa settimana due clienti che seguo nel percorso individuale mi hanno raccontato la stessa difficoltà: “Vorrei dedicarmi al mio hobby, ma non riesco a stare tranquilla se guardandomi intorno vedo il caos, la mia creatività ne risente e finisco per fare male entrambe le cose.

Questo succede sia che tu abbia un lavoro da dipendente o sia un’imprenditrice che trascorre pochissimo tempo in casa che ti costringe sempre a scegliere tra pulizie e tempo per te, sia che tu sia una libera professionista con uno spazio di lavoro tra le mura domestiche perché può essere molto difficile auto-disciplinarsi e mantenere fede alle priorità lavorative e personali.

Senza organizzazione ti ritroverai a girare come una trottola senza concludere nulla continuando a passare da una cosa all’altra e sentendoti continuamente in carenza di tempo perché non basterà per fare tutto. Bene. L’organizzazione ti rende libera da questo caos inconcludente.

3 segreti per organizzare al meglio la gestione della casa

Prevenire è meglio che pulire

Passa in rassegna ogni tua stanza e chiediti se tutto quello che vedi, e anche che non vedi perché dentro i mobili, lo utilizzi davvero. C’è qualcosa che sta lì da anni e che nemmeno ricordavi di avere? Forse è arrivato il momento di metterlo altrove? Venderlo o regalarlo?

Tutto quello che hai deciso di tenere sistemalo in modo ordinato, pratico e comodo utilizzando scatole, cesti, barattoli e mensole e regolarmente dedicati al decluttering per liberare nuovo spazio, per riordinare in modo più efficace, e trovare sempre un posto per ogni cosa.

Fai dell’ordine una piacevole abitudine ritirando subito quello che finisci di usare. È un po’ quello che dico sempre alle mie bambine che non hanno mai voglia di mettere in ordine la loro cameretta. Farebbero molta meno fatica e impiegherebbero molto meno tempo se quando finiscono di giocare con il puzzle lo ritirassero nella scatola prima di tirare fuori anche le barbie e poi anche le costruzioni, e poi anche le pentoline…

Pianificare per non perdere la rotta

Le liste sono uno strumento utilissimo per non perdersi perché avere uno o più elenchi da spuntare ti toglie il pensiero e ti fa procedere in modo più spedito e focalizzato.

Stai solo attenta a non abusarne perché fare elenchi interminabili senza una programmazione ragionata che ti permetta di trovare il tempo necessario per mettere in pratica quelle voci scritte può essere molto frustrante e controproducente.

Fai un elenco completo di tutte le faccende domestiche poi suddividile in base alla frequenza se a breve, a medio o lungo termine. Pianifica il tempo da dedicare a ciascuna attività di pulizia durante la settimana così non saranno loro a decidere per te, ma sarai sempre tu a decidere serenamente che le lavatrici le farai quel tal giorno e non adesso che invece vuoi andare a fare una passeggiata!

Trovare la tua routine e stabilire i tuoi livelli di soddisfazione

Non siamo tutte uguali, non abbiamo tutte la stessa situazione famigliare, la stessa casa e nemmeno le stesse abitudini. Quello che a te fa dire “Oh! Finalmente ho tutta la casa pulita e in ordine” può essere molto, molto di verso da quello che lo farà dire a un’altra.

C’è ad esempio chi, felice e soddisfatta, non rifà mai i letti facendo rabbrividire chi non esce di casa senza averli rifatti in maniera impeccabile, sbattendo le lenzuola e aspirando il materasso.

Il mio ruolo di “zen manager” non è mai né quello di giudicare cosa è giusto e cosa no o cosa per me devi o non devi fare, ma aiutarti a raggiungere il TUO livello di soddisfazione e serenità nella più totale libertà e rispetto di te stessa.

Osserva la tua casa, stanza per stanza e definisci i tuoi livelli di ordine e pulizia. Come deve essere quella parte della casa perché ti faccia dire “Oh! Così sì che sono proprio contenta!” e cosa invece ti fa dire “Non è perfetto, ma oggi ho altre priorità e, in questo stato, mi fa sentire comunque tranquilla.” Nel primo caso ti aiuterà a stabilire quanto accurate e profonde devono essere le pulizie che richiederanno più tempo, nel secondo caso invece troverai cosa ti è utile fare per raggiungere il minimo livello di soddisfazione.

Riprendi in mano i tuoi elenchi e individua quelle 4/5 attività che non ti portano via più di 30 minuti ma che se fatte sistematicamente in modo fluido ogni giorno saranno sufficienti per avere una casa, magari non perfetta, ma abbastanza in ordine e pulita perché tu possa sentirti a tuo agio e dedicarti serenamente alla tua vita.

Non è forse la tua serenità a valere più di qualunque stanza della casa?!

Quando hai definito i tuoi livelli di soddisfazione potresti non riuscire a trovare il tempo per ottenere quel risultato. È il momento di scrivermi! Io ti aiuterò a organizzare al meglio la tua giornata e la tua settimana per raggiungere quei livelli di soddisfazione, quando vorrai e senza compromessi, in totale libertà e senza sacrificare le tue priorità, il tempo per te stessa e i tuoi sogni.

Cosa aspetti? Scrivimi subito: carolina@myzenmanager.com, ti darò tutte le informazioni necessarie per iniziare il percorso insieme, con SATORI e la via della consapevolezza.

L’organizzazione rende liberi

Carolina

la Tua zen manager