Fare la valigia è qualcosa che puoi amare o odiare, ma di fatto, ti tocca prepararla per andare in vacanza e, se non è qualcosa che ti piace fare, almeno hai una motivazione piacevole che può essere un’ottima leva.

Poniamo molta attenzione prima della partenza a preparare i bagagli, molta di più di quanto non ne mettiamo quando si tratta di disfarli.

Quando devi partire è più facile immaginare tutte le cose che belle che potrai fare e di conseguenza, con le giuste astuzie, potrà diventare qualcosa che non vedi l’ora di fare.

Come la mettiamo però quando le vacanze sono finite e in men che non si dica saranno ricordi lontani?

A meno che tu non debba ripartire a breve per un nuovo viaggio, o hai tassativamente bisogno di usare ciò che contiene, disfare la valigia può diventare un vero e proprio incubo.

Pur di non sottoporti all’estenuante pratica di disfare la valigia, ecco che inizia la fase di rimandite acuta supportata dalla nuovissima disciplina olimpionica in cui diventi campionessa: attingere per giorni e giorni dall’armadio riscoprendo abiti estivi dimenticati da anni.

E la valigia resta lì, per giorni.

Se ne sta lì sola soletta, magari le farai giusto una visitina ogni tanto quando non trovi qualcosa e penserai che potrebbe essere ancora lì… e ti dirai:

“Ah cavolo! Devo ancora disfare la valigia, dopo lo faccio….”.

Conosco valigie da disfare abbandonate in un angolo della casa per settimane, ne conosci anche tu?

Niente paura, la soluzione è nel creare una routine chiara, semplice e veloce che ti aiuterà a rendere la cosa…un po’ meno faticosa.

Stampati questo elenco che ho preparato per te e tienilo in valigia per averlo a portata di mano quando ti servirà per rendere questo momento veloce e indolore.

Disfare la valigia nel modo giusto. 8 step da seguire

1. Pianifica

Questa è in assoluto la prima cosa che devi fare.

Fatti un appunto sull’agenda prima ancora di partire, mettiti un promemoria nel telefono, fai un disegnino sul calendario appeso in cucina.. fai un po’ come ti pare, ma stabilisci (in anticipo) quando ti dedicherai a questa incombenza.

È l’unico modo per evitare la rimandite acuta quando altri milioni di attività attireranno la tua attenzione.

2. Trova il posto adatto

Il mio consiglio per fare qualsiasi cosa che non hai voglia di fare è sempre quello di metterti nella condizione di fare meno fatica possibile. Appoggiati sul letto, su un tavolo, per terra.. Il posto è indifferente purchè sia comodo a te.

Inoltre non sottovalutare il fatto che la valigia ha viaggiato, ovvio, in posti magari non esattamente igienici: aeroporti, stazioni, strade… Quindi qualunque sia il luogo che hai scelto per svuotarla assicurati di usare per esempio un telo di protezione.

3. Dividi i panni

Qui dovresti giocare d’anticipo e organizzarti già durante la vacanza.

Prepara dei sacchetti per dividere i capi da lavare da quelli puliti, meglio se già divisi per colore e tessuto.

Se non l’hai fatto, no problem ,puoi farlo ora dividendo i capi e preparando le lavatrici da fare.

4. Sbatti via la sabbia

Se sei stata al mare non dimenticare di sbattere teli, costumi & co prima del lavaggio per evitare di ostruire i filtri. Anche per le scarpe vale la regola della sabbia. Prima di ritirare sbatti o lava le calzature stagionali. Sabbia e salsedine sono deleteri.

5. Fai una pausa

Prima di proseguire con i prossimi step, fai partire una lavatrice con il primo gruppo di panni, e, per la durata della lavatrice, puoi scegliere di prenderti del tempo per te, per fare una passeggiata, bere una tisana e rendere piacevole anche questo momento…. Oppure, se sei in modalità “chi si ferma è perduto” , proseguiamo!

Leggi anche: quando non trovi il tempo cercalo tra i blocchi

6. Procedi in base alla tipologia

Ora che le lavatrici sono pronte a fare il loro dovere passa agli altri gruppi da sistemare: accessori, beauty case, tecnologia.

Sono una convinta sostenitrice del “monotasking”: prendere un task alla volta e portarlo fino in fondo, applicato a tutte le attività.

Quindi il mio suggerimento anche qui è: scegli una categoria di oggetti da sistemare e dedicati a quelli finché non li hai sistemati senza distrazioni, poi passa al prossimo.

7. Controlla gli abiti puliti

Non tutto potrebbe aver bisogno di un giro di lavaggio, quindi è importante divedere i vestiti in modo da dare solo una rinfrescata a quelli puliti prima di ritirarli.

8. Non dimenticare la valigia

Bene, ora che la valigia è vuota non ti resta che prepararla per il prossimo viaggio.

Puliscila con un panno umido, falla asciugare bene e conservala per il prossimo viaggio.

Sono sicura che a queste cose avevi già pensato, ma vederle tutte insieme in ordine sequenziale le fa sembrare più semplici e fattibili senza stress, vero?

Anche questo è My Zen Manager!

Mettere l’organizzazione al tuo servizio, solo dove serve, per vivere senza stress.

Scrivimi per avere tutte le informazioni su questo servizio: carolina@myzenmanager.com