Mi siedo alla scrivania, davanti al mio pc o ai miei quaderni di appunti, ho la mente fresca, lucida, sono molto concentrata, riesco a lavorare benissimo e in poco tempo. Se mi trovo in questa situazione è perché nelle ore precedenti sono stata capace di organizzarmi al meglio e ho alternato in modo eccellente momenti di disconnessione totale a momenti di attività focalizzata.

Quando ciò non accade, invece, basta niente a distrarmi, le idee non arrivano, i ragionamenti sono lenti e, per finire qualsiasi attività, impiego almeno il doppio del tempo necessario senza che ne rimanga abbastanza per me o per stare con la mia famiglia. Oppure mi spremo con tutte le mie forze per fare del mio meglio. In ogni caso alla fine della giornata sono sfinita, stressata e con la frustrante sensazione di non aver poi fatto granché.

Questo è il chiaro segnale che qualcosa è andato storto nella mia organizzazione e i miei livelli di energia sono in riserva.

Se ti riconosci in questa seconda situazione molto probabilmente stai vivendo le tue giornate in modo molto impegnato, sicuramente, ma per nulla equilibrato.

Disconnettersi per trovare l’equilibrio

Quando c’è equilibrio tra attività e riposo ti rendi subito conto della differenza: nel momento in cui lavori sei produttiva e nel momento in cui ti disconnetti dal resto del mondo recuperi pienamente le energie senza sensi di colpa, riparti al meglio delle tue condizioni e a fine giornata sei serena e soddisfatta.

Vivere in equilibrio non significa stare fermi, ma essere dinamici trovando la propria centratura.

Grazie alla tecnologia possiamo essere sempre connessi con tutti, tutto il giorno. E, se da una parte far parte di questa rete ha notevoli aspetti positivi e può essere molto arricchente per la nostra conoscenza e le nostre relazioni sociali, dall’altra rischia di ostacolarci. Rischiamo di restare sempre connessi verso l’esterno, verso gli altri, verso ciò che manca o che ancora si deve fare e perdiamo di vista il nostro equilibrio e il nostro bisogno di prenderci tempo e spazio per noi, per ricaricarci.

Ma con tutto quello che c’è da fare ogni giorno come si fa a disconnettersi?

Basta organizzarsi!

Disconnessione consapevole

Sei d’accordo con me che prenderti una bella e lunga giornata di vacanza per passeggiare, dormire e rilassarti sia fantastico, (ed è importantissimo che non manchino periodi così nella tua pianificazione, mi raccomando!), ma sappiamo benissimo che dobbiamo fare i conti quotidianamente con impegni e responsabilità ogni giorno.

Allora cosa puoi fare? Rassegnarti tristemente a tirare la corda esaurendo le tue energie fino alla prossima giornata di totale relax oppure organizzarti per prenderti del tempo di disconnessione ogni giorno?

Scegli sempre in modo consapevole a quali attività dedicarti.

Concentrati per un attimo sulle sensazioni che provi quando non ti prendi mai del tempo per te, ma sei sempre con un occhio sulla finestra tecnologica che si affaccia sul mondo. Ti accorgerai che non sono sempre sensazioni piacevoli: potresti sentirti annoiata, oppure arrabbiata per qualcosa che hai letto, sconfortata quando ti senti indietro per qualcosa, sempre distratta nel passare continuamente da una cosa all’altra e non vivendo mai pienamente il momento.

Ti accorgerai che per raggiungere i tuoi obiettivi il segreto non è non fermarsi mai o correre sempre di più per arrivare prima, ma trovare il giusto equilibrio alternando attività intensa a riposo profondo.

Anche nella preparazione atletica sportiva il riposo è parte integrante dell’allenamento proprio perché permette al corpo, che è stato sottoposto allo stress intenso, di rigenerarsi, ripararsi e intensificare le prestazioni.

Un lavoro continuo logora, sfinisce, esaurisce le energie e rende a lungo andare sempre meno produttivi.

Quando ti disconnetti e ti dai il permesso di stare sola con te stessa, non solo recuperi le energie perdute, ma sarai più serena e tranquilla. Dell’importanza di trovare l’equilibrio tra attività e riposo te ne avevo già parlato QUI .

Trova le attività che puoi fare non connessa

Osserva le tue giornate: sei sempre davanti a uno schermo, connessa con tutti tranne che con te stessa.  Prova invece a dedicare un po’ del tuo tempo ogni giorno a un’attività che non richieda una connessione.

La prima cosa che devi fare è quindi individuare queste attività o questi momenti.

Ad esempio, se stai facendo un lavoro che non richiede l’uso di internet, spegni il wi-fi. Oppure, se stai guidando, dimentica di avere un telefono. Leggere, meditare, riordinare, scrivere, archiviare, bere un te davanti alla finestra, passeggiare… Sono tante le attività che puoi fare in tranquillità, isolandoti dal resto del mondo, che non richiedono molto tempo, ma che ti permettono di ricaricarti e non pensare a nient’altro che al tuo “qui e ora”.

Prova e vedrai come cambieranno le tue giornate!

Quando sarai consapevole dei tuoi livelli di energia, meglio riuscirai a organizzarti per dedicarti alle tue attività e più sarà il tempo che avrai a disposizione per fare ciò che per te è importante. 

Pianifica il tempo per farle

Perché non rimanga solo uno dei tanti buoni propositi che poi non riesci a mettere in pratica, il segreto è di impegnati a pianificare questi momenti ogni giorno.

Scegli cosa fare, quando farla e scrivilo sull’agenda, mettiti un promemoria, fai in modo che tu possa ricordarti di mantenere alti i tuoi livelli di energia ricaricandoti quando serve prima di andare in riserva. Scriviti i tuoi momenti di disconnessione fino a quando non sarà diventata una consolidata abitudine.

Potresti prenderti del tempo subito la mattina, appena sveglia, dimenticandoti del tuo smartphone almeno fino a quando esci di casa, oppure mettere un confine tra te e la tecnologia alla sera e non essere più reperibile da una certa ora in poi. Oppure potresti farlo durante il giorno più volte al giorno, ad esempio tra una sessione di lavoro intensa e l’altra prenderti 15 minuti di pausa per allontanarti da ogni dispositivo tecnologico e staccare la spina da quello che stavi facendo per immergerti in un’attività rilassante.

Se vuoi approfondire questo punto dai un’occhiata QUI.

Forse per riuscire a disconnetterti hai bisogno di semplificare un po’ le tue giornate, perché così come sono è difficile gestire tutto e prenderti dei momenti per te senza trascurare qualcosa e sentirti in colpa.

Potresti aver bisogno di rivedere l’organizzazione generale perché il tempo ti passa tra le mani senza che tu riesca a rendertene conto.

Pensa a cosa ti piacerebbe fare per disconnetterti e ricaricare le tue batterie, io ti aiuto a trovare il tempo per farle.

Scrivimi subito: carolina@myzenmanager.com così mi racconti tutto per bene e ti mando le informazioni necessarie per iniziare.

L’organizzazione rende liberi

Carolina

La Tua zen manager