Buon anno!!!!

Ah no, scusa, oggi è il primo giorno di Settembre, ma per me è come l’inizio di un nuovo anno.

Anche se la mia stagione preferita è la primavera, Settembre si piazza molto bene nella “Hit” dei mesi che adoro.

Quest’anno poi, dopo un’estate così calda e afosa, apprezzo ancora di più il suo ritorno.

Settembre profuma di te caldo, plaid, aria fresca, pagine di libri nuovi, quelli da studiare o che ti fanno compagnia.

Mi sento un’eterna studentessa, ancora molto legata ai ritmi scolastici quindi per me (e magari anche per te) l’anno inizia ora. Quando poi hai anche dei figli che partecipano a quest’atmosfera di ripartenza tutto si fa più carico di magia e aspettativa.

Salvo poi voler andare in letargo a Novembre, ma questa è un’altra storia, restiamo concentrati sul qui e ora che è meglio.

Tornando al mio amato Settembre è il mese in cui prendo quel bell’elenco di buoni propositi, nuovi progetti, grandi sogni, tante liste, appunti sparsi, presi durante le lente giornate di caldo estivo e mi impegno per mantenerli almeno fino a Natale!

Durante l’estate mi sono riposata, rilassata, divertita, sfogata, ho amato, lavorato, studiato, letto, giocato, fatto tuffi , camminato a piedi scalzi, suonato la chitarra cantando attorno al fuoco..e molto, molto altro. Insomma non mi sono annoiata, ma mi sono ricaricata.

Ricordi come ci si prepara al rientro?

Puoi dare una ripassata qui: Aria di vacanza?Applica subito queste 3 strategie per mettere in scacco lo stress da rientro.  

Ora, che tu sia pronta o no, è arrivato il momento di focalizzarsi per lavorare bene ed essere produttiva, perché, si sa, il tempo vola e in un attimo è ora di fare l’Albero di Natale.

Non farti trovare impreparata.

Quello che succede è che in un battito di pinne è ora di tornare in ufficio, sarai sommersa di e-mail e telefonate, ore di straordinari da fare, capi, colleghi o clienti non proprio meravigliosi, figli da portare e prendere a scuola e non dimenticare gli impegni extrascolastici, le lezione di danza, la partita di calcio, le feste di compleanno…. Pulire, lavare, stirare, fare la spesa, cucinare…

Non solo la vacanza sarà già dimenticata, ma con queste giornate piene è sempre una continua corsa contro il tempo e presto ti mancherà il fiato e il livello di stress sarà alle stelle

Ecco i 3 strumenti indispensabili per essere subito concentrata e produttiva

 

* Un’Agenda

Trovare l’agenda perfetta è un po’ come trovare il Santo Graal, quindi se non l’hai ancora trovata non disperare e continua a testare e sperimentare.

Se invece l’hai già trovata sai quanto possa fare la differenza tra una giornata produttiva e una inconcludente.

Se non sei abituata ad usarla, è ora di iniziare! Scrivere rafforza la memoria e libera la mente dallo sforzo di dover ricordare tutto. Aiuta anche l’autostima perché tieni traccia dei progressi, infine può diventare un contenitore prezioso di appunti e informazioni per la vita di famiglia e il lavoro.

Per quanto la tecnologia possa essere un valido supporto, sono convinta che l’agenda sia il primo indispensabile strumento per essere più produttiva.

Non c’è una regola fissa di come deve essere, ne esistono di tantissime tipologie, anzi c’è un vero e proprio immenso mondo di planner addict. L’importante è che sia in linea con il tuo stile di vita e che ti sia di reale aiuto nella gestione delle tue attività quotidiane.

Per non sbagliare, tieni bene a mente queste tre cose:

  • Consultala regolarmente. Ogni tanto butta l’occhio per monitorare come sta andando la giornata e la settimana e prenditi del tempo ogni giorno per scrivere la to do list e controllare gli appuntamenti e le scadenze.
  • Tienila leggera. Meglio “To do list” brevi ma portate a termine che elenchi infiniti di cose da fare che ti rendono solo frustrata. Elimina il superfluo e concentrati sui tuoi obiettivi. Puoi usare anche altri quaderni e altre liste specifiche per categorie di attività, ma per ora concentrati sugli obiettivi lavorativi e gli impegni di famiglia da conciliare.
  • Colorala. Usa penne colorate, post-it, evidenziatori, adesivi..quello che preferisci. Non è solo un fattore estetico, ma è funzionale per aiutarti a focalizzare ciò che conta davvero in quella giornata. Poi sì, fa bene anche dare spazio alla creatività e anche l’occhio vuole la sua parte, anche nel lavoro!

 

* Un Timer

Lo strumento migliore è il timer da cucina, ma se ancora non ce l’hai puoi iniziare con una App sul cellulare.

Questo metodo, detto “del pomodoro”, è molto conosciuto e utilizzato (ne ho parlato anche qui ), ma senza fissarti troppo su un sistema rigido e specifico fai tesoro dei principi che ci sono alla base:

  • Resta concentrata. Stabilisci il tempo che devi dedicare a un’attività, silenzia il telefono e imposta il timer. Se metti al bando ogni distrazione impiegherai molto meno tempo a fare qualsiasi cosa. Garantito!
  • Alterna lavoro e riposo. Le pause sono fondamentali, non trascurare mai l’importanza del tempo libero. Oziare tiene la mente fresca e attiva. Puoi leggere, ascoltare musica, meditare, fare movimento… o anche non fare assolutamente nulla. Può sembrare un contro senso il consiglio di non fare per essere più produttivi, ma è esattamente uno dei migliori strumenti che tu possa usare per rendere di più e stancarti di meno.

 

 

* Un Quadrante

Chiamala matrice di Eisenhower, o griglia di Covey.. o di chiunque altro, il principio base è che tu riesca a stabilire in anticipo quali sono le cose davvero importanti che devi fare entro una determinata giornata e quanto tempo devi dedicare ad esse. Punto. Niente di trascendentale, anzi direi elementare. Parti da ciò che devi tassativamente fare oggi, entro oggi, questione di vita o di morte (ok non esageriamo).

Puoi dividere in quattro quadranti direttamente la tua agenda, puoi usare un foglio di un block notes da tenere sulla scrivania, oppure anche una App sul telefono.

Il vero strumento indispensabile è nella tua testa ed è la capacità di distinguere con facilità ciò che devi fare urgentemente da ciò che puoi programmare o delegare o rimandare.

Per usarlo al meglio fatti queste semplici domande:

  • Cosa succede se questa attività la faccio domani? O dopodomani? Quanto è utile che io la faccia entro oggi?
  • Questa attività è in linea con i miei obiettivi, i miei valori, le mie priorità? Oppure la sto facendo senza che abbia davvero importanza per me? Devo necessariamente farla io o se la fa qualcun altro non cambia nulla?

 

Non sottovalutare l’efficacia di questi tre strumenti, anche se ti sembrano banali. Vedrai che utilizzandoli con costanza saranno il primo passo per affrontare l’autunno partendo con il piede giusto!

*****

Hai bisogno di aiuto per scandire il ritmo delle tue attività, organizzare e semplificare la tua vita lavorativa?

Sarò felice di fornirti una consulenza specifica e personalizzata studiata sulle tue effettive esigenze.

Scrivimi qui: carolina@myzenmanager.com

*****

A presto!

Carolina

La tua Zen Manager