Ordine e Organizzazione sono due concetti diversi, ma strettamente connessi.
Per semplificare potremmo dire che l’ordine riguarda lo spazio, mentre l’organizzazione riguarda il tempo.

Anche se ho una spiccata predisposizione all’organizzazione ed è il settore in cui mi sono specializzata professionalmente, non mi definirei una persona ordinata. La mia agenda cartacea è disordinata, decisamente caotica con parole scritte ovunque e un uso dei colori sovrabbondante. È funzionale per il mio scopo, ma disordinata.

Avere spazi ordinati può essere un piacere soggettivo, magari il disordine non ti disturba più di tanto, di per sè, ma può diventare molto problematico se ti impedisce di vivere la giornata in modo fluido, sereno, soddisfacente.

Ci sono situazioni in cui la mancanza di ordine nello spazio comporta una mancanza di ordine nella tua mente e incide sui tuoi livelli di energia.

Siccome il tempo non si può gestire (perché scorre indipendentemente dalla tua volontà e non puoi controllarlo) devi allenarti a tutelare i tuoi livelli di energia e ad avere una mente lucida, brillante, concentrata.
Non trovare le chiavi per entrare in auto mentre hai la spesa e tuo figlio duenne in una mano e un ombrello nell’altra mentre piove a dirotto è solo una delle tante situazioni stressanti in cui puoi trovarti.

Sono sicura che ti è già capitato un sacco di volte di avere il cellulare che suona nella borsa e non trovarlo in tempo per rispondere o di dimenticare a casa qualcosa perché hai cambiato borsa o perché volevi alleggerirla per andare fuori a cena.

Hai giornate stressanti, sei sempre di corsa, con i minuti contati e ci si mette pure la borsa a farti sclerare mentre ci rovisti vorticosamente dentro, prendendo tra le dita di tutto tranne quello che ti serve.

Cellulare e chiavi, si perdono misteriosamente tra portafoglio, porta documenti, porta tessere, auricolari, bottiglietta d’acqua, agenda, penne, mascherina, la borsa ripiegata per la spesa, le pastiglie per il mal di testa, collirio, pizzetta, lima, cerotti, scontrini, liste della spesa, rossetto, burro cacao, pashmina,  integratori, caramelle, deodorante, crema mani, occhiali da sole, igienizzante, salviette, batteria del cellulare, elastico per capelli… Se poi hai figli piccoli, consiglio un corso di pilates e un paio di sedute dall’osteopata per ripristinare la funzionalità di braccia e schiena schiacciate dal peso di oggetti di vario uso pediatrico e pedagogico.

Partiamo dai fondamentali:

consiglio ZEN: punta all’essenziale.
consiglio MANAGER: preparati prima.

Che poi in pratica vuol dire: dai una sistemata alla tua borsa ogni sera e preparala al meglio per il giorno dopo.

Questa è una delle routine che consiglio sempre alle mie clienti perché è una buona abitudine che ti porterà via pochissimi minuti per ottenere risultati notevoli.

Per rendere l’organizzazione della borsetta da vera “zen manager” ho 5 consigli per te.

5 consigli per organizzare la borsa

Svuota regolarmente

Nella borsa, in una giornata, può finire di tutto e non è necessario che debba restare lì per me.

Abituati a tirare fuori tutto regolarmente, in base a quanto hai usato la borsa e quanto può essere stata impegnativa la sua giornata. Adesso ti sembra un’inutile perdita di tempo, ma se seguirai tutti i 5 consigli e rendi la tua borsa essenziale e ordinata ci metterai pochissimo e i risultati saranno tangibili.

Fai un bel decluttering senza pietà, quello che non serve: buttalo, quello che ti serve, ma non ha senso che stia in borsa: archivialo trovandogli degna sistemazione.

Seleziona accuratamente

Controlla quello che è rimasto e fai mente locale a dove andrai domani, cosa dovrai fare…e, soprattutto, di cosa hai bisogno.

Preferisci alleggerire il peso perché dovrai camminare tutto il giorno? Tieni solo l’essenziale, per il resto ti ingegnerai alla MacGyver in caso di necessità, altrimenti opta per un generale “non si sa mai” alla Mary Poppins e portati anche le scarpe di ricambio.

Raggruppa per categorie

Questa è la vera svolta: dai un senso a quello che tieni in borsa e utilizza delle bustine, pochette, scatoline per mettere insieme piccoli oggetti. Non c’è una regola, è una tua scelta personale. Ad esempio, puoi mettere tutti i prodotti di make-up e bellezza in una bustina, quelli per le emergenze varie in un’altra (medicine, limetta, cerotti…) Oppure mettere insieme categorie diverse ma divise tra “versione minimal” e “versione extra per sopravvivere nelle avversità” così se vuoi uscire con la borsa leggeri tieni solo la bustina con solo l’essenziale.

Utilizzare questo sistema ti permette di ottenere due super vantaggi:

  • Le puoi sistemare tutto in modo ordinato in borsa per ottimizzare lo spazio, fare in modo che siano facilmente estraibili e avere tutto a portata di mano.
  • Gli unici oggetti piccoli che non metterai in busta saranno le chiavi e il cellulare! Per quanto tu possa non trovare il cellulare che suona e le chiavi che tintinnano saranno al tatto facilmente riconoscibili rispetto a tutte le varie buste e agli oggetti più voluminosi (agenda, portafogli..).

Inserisci geometricamente

Ora che hai da una parte gli oggetti più ingombranti e dall’altra tutte le tue bustine che puoi togliere o mettere a tuo piacimento e in lampo riempi la borsa in modo strategico.

Puoi usare il criterio orizzontale, a strati, dal basso verso l’alto mettendo quindi sul fondo le bustine che usi raramente e in alto quelli che usi più spesso (anche se metterei il portafoglio in sicurezza), oppure il criterio verticale con tutti gli oggetti sullo stesso piano, uno a fianco all’altro, in piedi.

Valuta consapevolmente

Il sistema con cui decidi di riempire la tua borsa, il criterio che segui per comporre le tue bustine, gli oggetti che scegli di avere con te, la frequenza con cui svuotarla e prendertene cura sono valutazioni personali che devi fare in base a come ti piace che sia la tua giornata. Asseconda il tuo modo di essere, che ti piaccia la borsettina mini o lo zainetto, che tu preferisca avere un’unica grande borsa super capiente oppure usare una borsa personale, una per il lavoro e un sacchetto in tela extra per altri oggetti di varia natura, peso e dimensione, non è importante.

Conta solo l’ordine e l’organizzazione che ti fa stare bene, che ti fa sentire a tuo agio, che non alimenta lo stress e non ti incasina giornate piene.

Mi piace pensare che la borsa sia un micro-cosmo che rispecchia l’organizzazione delle tue attività quotidiane e che, se pensi di essere disorganizzata e non sapere da che parte iniziare potresti iniziare proprio da qui, dalla tua borsa, mettendola in ordine, prendendotene cura e poi proseguire QUI per mettere in ordine e prenderti cura anche della tua vita.

L’organizzazione rende liberi

Carolina 

la Tua zen manager

 

Photo by Alexander Schimmeck on Unsplash